I Moschettieri 3D duellano con Sorrentino

L’equazione è stata semplice. Se al cinema ci vanno notoriamente i giovani, perché non ideare una versione de I tre moschettieri pensata a loro uso e consumo con tanto di 3D? Così Paul W.S. Anderson ha diretto un adattamento che più adattato di così non si può, seminandolo di richiami ai vari Predator, Pirati dei Caraibi, Resident Evil; in questo modo, i ragazzi si sentono a casa loro (non sia mai che lo prendano sul serio) ed imparano, magari, che il romanzo è di Dumas. Una strategia che ha pagato con il primo posto negli incassi del fine settimana (poco meno di un milione e mezzo di euro) dopo un testa a testa con il Sorrentino in trasferta americana. Il discreto (soprattutto nella prima parte) This must be the place si consola però con una media per sala decisamente migliore della fiera di effetti speciali di cui sopra. La gara a chi mette più in mostra il suo «lato B» tra Justin Timberlake e Mila Kunis ha dato una buona spinta, verso il quarto posto, alla simpatica commedia Amici di letto mentre la vera sorpresa negativa del fine settimana su grande schermo è Cowboys & Aliens, solo sesto. In effetti, dal film interpretato da Harrison Ford e Daniel Craig, che si immagina una invasione aliena in pieno Far West, ci si aspettava un impatto maggiore al botteghino. Peccato che la pellicola più bella tra quelle uscite venerdì, il cartone Arrietty, sia solo undicesima.