I municipi? Per la sinistra «cosa loro»

Massimo Malpica

Municipi, sale, biblioteche e centri anziani di Roma indicati come seggi per le primarie dell’Unione di domenica 16 ottobre. Mentre la coalizione di centrosinistra si prepara con un certo ritardo logistico e un po’ di confusione a sperimentare la «scelta partecipata» del proprio candidato premier, la «scelta non partecipata» (non con l’opposizione, almeno) di alcuni edifici di proprietà comunale per ospitare le urne basta già ad accendere una vivace polemica nella capitale. Con la federazione romana di Alleanza nazionale che annuncia interrogazioni in Campidoglio e denuncia l’uso «partigiano» di strutture pubbliche, e in qualche caso istituzionali, per «attività che saranno anche un esperimento di democrazia partecipata, ma che restano soprattutto un atto propagandistico legato a una sola parte (...)