«I negoziati procedono in fretta: presto libereremo Clementina»

Su Sky in onda l’appello dei tre ex ostaggi Agliana, Stefio e Cupertino

Marta Ottaviani

Clementina Cantoni potrebbe essere liberata presto. Lo ha detto Timor Shah, il capo della banda dei suoi sequestratori, in un’intervista telefonica a Tolo Tv. L’emittente è la stessa che il 29 maggio ha mandato in onda un video dell’operatrice italiana, rapita a Kabul 13 giorni prima. Non ci sono indicazioni sull’ora dell’intervista e la modalità di contatto con Shah, che ha dichiarato: «I nostri negoziati procedono a ritmo sostenuto, la signora potrebbe essere rilasciata molto presto». Il sequestratore intervistato ha anche aggiunto che la Cantoni è stata visitata da un medico e che sta bene. In una lettera al Presidente della Repubblica Ciampi, l’ex re dell’Afghanistan Mohammad Zahir Shah ha assicuraro che «il presidente Karzai e il suo governo compiranno ogni sforzo per giungere alla liberazione di Clementina Cantoni».
Ottimismo anche da parte dell’esecutivo di Kabul, che ha definito i negoziati «Molto vicini a una conclusione».
Rassicurazioni sullo stato di salute di Clementina erano arrivate ieri mattina anche dal vicepresidente del Consiglio e ministro degli Esteri Gianfranco Fini, in un’intervista durante la trasmissione di Maurizio Costanzo «Tutte le mattine».
«Clementina è viva e sta bene. Il Governo italiano non lascerà nulla di intentato per riportarla a casa» ha dichiarato. Fini ha anche sottolineato che il sequestro della Cantoni è in linea di massima un episodio di criminalità comune, con scarsa attinenza al terrorismo o alla politica.
Il ministro degli Esteri non ha voluto aggiungere altri particolari per rispettare il lavoro degli intermediari e non «bruciare la possibilità di riportarla a casa nel più breve tempo possibile».
E ieri è stata un’altra giornata di intensa attività per la liberazione di Clementina.
Le televisioni afghane hanno mandato in onda il messaggio registrato dalla mamma dell’operatrice italiana, Germana Cantoni, autrice già di un commovente appello tre giorni fa. Il video dura circa due minuti. Nella prima parte la madre di Clementina parla in inglese, poi viene coperta da una voce fuori campo in lingua dari. «Mia figlia - spiega nell’appello televisivo - ha scelto di aiutare persone di Paesi lontani».
Sempre ieri c’è stata una nuova manifestazione di solidarietà nei confronti della Cantoni. Gli ex ostaggi Umberto Cupertino, Maurizio Agliana e Salvatore Stefio, liberati in Irak l’8 giugno dell’anno scorso, hanno registrato un appello televisivo, trasmesso da Sky Tg24 e da tutte le emittenti afghane. «Ora che siamo fuori - hanno detto gli ex ostaggi - tocca a noi fare qualcosa». In particolare Cupertino si è rivolto direttamente a Clementina: «So che cosa vuol dire pensare a casa e sperare di poter tornare - ha detto -. Mi hanno aspettato e adesso sono io che aspetto te».