I nuovi treni per il Lido mandano in tilt la linea

«Non c’è corrente a sufficienza. I nuovi convogli della ferrovia Roma-Lido, prelevati dalla linea A della metro, non possono viaggiare consecutivamente perché assorbono più energia di quanto le attuali sottostazioni elettriche siano in grado di erogare. Quindi devono essere preceduti e seguiti dai vecchi treni». È quello che si evince da una serie di ordini di servizio di Met.Ro. A denunciarlo è il capogruppo della Democrazia Cristiana per le Autonomie al Consiglio regionale del Lazio, Fabio Desideri.