I paesaggi alle pareti degli antichi «vip»

Molti sono gli studi e i libri sulla pittura di paesaggio dal Seicento ai giorni nostri. Rari, invece, quelli che riguardano il genere nell’antichità greca e romana. Gli antichi dipingevano paesaggi? Rispondere alla domanda un saggio di Eugenio La Rocca, Lo spazio negato. La pittura di paesaggio nella cultura artistica greca e romana (Electa, pagg. 118, euro 25). Sì, li dipingevano, non come soggetto principale, ma complementare ad altre raffigurazioni. Sulle pareti delle case pompeiane c’erano bellissime decorazioni con paesaggi sullo sfondo. Vedute fantastiche, ricche di luce, ma costruite senza spazio né prospettiva, con case, laghi, pianure. Un esempio? La veduta della villa marittima dipinta su una parete del viridarium della Casa della Fontana Piccola a Pompei.