I parenti di Francesco: «Proveremo a rialzarci»

La famiglia Orlando visita il piccolo all’obitorio

Il dolore per i genitori del piccolo Francesco, morto lunedì sera nell’esplosione causata dal gas della palazzina di via Lomellina 7 insieme ad altre tre persone, sembra non finire mai. Ieri, infatti, la famiglia Orlando si è recata all’obitorio per vedere il figlio, su esplicita richiesta fatta al sindaco, Letizia Moratti. Il bambino è stato particolarmente sfortunato perché al momento dello scoppio era salito a prendere la playstation nel suo appartamento al primo piano. «È stata dura e si può immaginare quello che proviamo - ha detto Mario Balsamo, zio della giovane vittima, il pompiere che ha fatto la triste scoperta del corpicino senza vita sepolto dalle macerie - ma siamo una famiglia unita e insieme cerchiamo di tirarci su da questa tragedia».
Solidarietà e vicinanza alla famiglia del povero «Franci» è stata ribadita dalle istituzioni cittadine. «Sono sconvolta - ha affermato Mariolina Moioli, assessore comunale alla Famiglia, anche lei presente alla camera mortuaria di piazza Gorini -, è stata una scena emotivamente pesante. Staremo vicino alla famiglia e cercheremo di fare tutto il possibile», ha poi dichiarato l’assessore.