I pazzi dello Ski-board

Sci e tavole sono sempre più simili: così sulle piste trionfano le evoluzioni tecniche

La sospirata neve non si è fatta attendere più di tanto. E così le stazioni sciistiche sono già pronte ad aprire i battenti, e in qualche caso ad anticipare l’inaugurazione della stagione. Come ogni anno, tra le novità qualche linea dominante esiste. Per esempio la netta espansione freestyle, ossia «stile libero». Chi è già un appassionato sciatore sa di cosa si tratta.

Se prima erano solo gli snowboarder a cimentarsi in piroette e salti mozzafiato, oggi, con i nuovi sci sempre più arrotondati e tecnologici, sono gli sciatori i veri rider pronti a invadere in massa anche le piste «tradizionali». Abolita del tutto l’idea di qualche anno fa di creare percorsi separati per sciatori o snowboardisti, oggi la differenza tra chi scia e chi va su tavola è molto meno marcata.

Merito della tendenza, appunto, alla «sciata libera». Non una vera e propria disciplina, ma piuttosto uno stile. Giovanissimi, ma anche insospettabili meno giovani, abbigliati sempre iper-tecnici, si divertono su neve fresca, meglio se fuori pista, anche se il loro vero habitat è lo snowpark. Qualche anno fa erano un’esigua minoranza, a volte anche molesta, guardata di sbieco da maestri e sciatori vecchio stampo. Oggi invece vederli saltare e lanciarsi a velocità sostenute è la normalità. Anche se il loro regno è e resta lo snowpark (ce n’è uno in ogni stazione sciistica di punta): occupa una parte di pista (di solito recintata) ed è composto da una serie di strutture e ostacoli in sequenza. In Italia se ne contano ormai 60.
Oltre alle località apripista, come Livigno e Campiglio, quest’anno Madesimo propone il Pink Snowpark (è ai piedi del Monte Rosa), mentre Bardonecchia, con tanto di fregio olimpico, raddoppia, con una nuova linea di salti e rail. La stagione sciistica 2007-2008 porterà anche qualche novità in fatto di comodità e hi-tech. Come lo skipass «a consumo», che si ricarica come una scheda telefonica: ad inaugurarlo è la stazione del Mondolé, sulle Alpi Marittime del Cuneese. La musica in pista è l’altra tendenza «indispensabile».

Sull’argomento le novità sono numerose: dai guanti con la tasca a misura di iPod, all’Mp3 che funziona sugli occhiali. Ma sciare diventa sempre di più un’occasione per sfoggiare qualche accessorio all’ultima moda, come la maschera con lenti speciali e cristalli Swarovski per brillare in pista.