I penalisti italiani: "Chi ha paura della riforma della giustizia?"

A Torino dal due al quattro ottobre si svolgerà il congresso straordinario dell'Unione camere penali. Tra i temi in agenda, nuovo ordinamento, carceri, politiche per la sicurezza, lodo Alfano, intercettazioni.

Ordinamento giudiziario, questione carcere, politiche della sicurezza, riforma della professione forense, processo penale, riforma della giustizia: questi i temi principali del congresso straordinario dell'Unione camere penali italiane che si svolgerà a Torino dal 2 al 4 ottobre e a cui parteciperà probabilmente pure il guardasigilli Angelino Alfano. «Sarà un'importante occasione - spiegano gli avvocati - per parlare di giustizia e degli argomenti caldi del prossimo autunno: dal lodo Alfano e l'imminente responso della Consulta, alle intercettazioni, dalla troppe volte rimandata riforma del processo penale, alle politiche della sicurezza, al sovraffollamento carcerario e molto altro ancora».
Il congresso, dal titolo «Chi ha paura della riforma? L'impegno delle camere penali contro chi lavora per il degrado del sistema», si aprirà con i saluti di Luigi Chiappero, presidente della camera penale Vittorio Chiusano del Piemonte Occidentale e Valle d'Aosta. Seguiranno poi le relazioni di Michele Cerabona, presidente del consiglio delle Ucpi e di Oreste Dominioni, presidente dei penalisti italiani.
I lavori proseguiranno in sei sezioni: un nuovo ordinamento giudiziario; il nuovo ordinamento forense; la questione carcere; la Corte di Cassazione fra teorie e prassi non virtuose; politica della sicurezza e legge penale; processo penale: per una riforma sistematica, contro interventi estemporanei.
Tra gli ospiti, Giovanni Conso e Giuseppe Frigo (Corte Costituzionale), Ennio Amodio (Università di Milano), Antonio Patrono, Fabio Roia, Celestina Tinelli e Vitaliano Esposito (Csm), Giuseppe Casini, (Anm), Andrea Amatucci (Uncat), Pietro Buffa (Andap), Emilio Di Somma, (Dap).
Fitto anche l'elenco dei politici. Oltre al ministro della Giustizia Alfano, per il Pdl parteciperanno Gaetano Pecorella, Giuseppe Valentino, Filippo Berselli, Enrico Costa e Benedetto della Vedova. Per la Lega il capogruppo alla Camera Roberto Cota. Per il Pd Luciano Violante, Rita Bernardini, Cesare Salvi e Guido Calvi.