I pensionati dell’amianto «avvelenano» il traffico

Dieci meno un quarto di mercoledì mattina. Piove, anzi diluvia. Non è una novità però. Tra via Venti e piazza Piccapietra le macchine cominciano ad andare piano. Si forma la coda. In via XII Ottobre, poco oltre l’ingresso della Rinascente il semaforo è un optional. Verde, giallo, rosso: non serve, non si avanza di un centimetro. Tutti fermi in fila. Passano i minuti: cinque dieci, trenta. Alle 10.45, un’ora dopo, le auto hanno fatto dieci metri. C’è chi legge il giornale posato sul volante, chi fa inversione (...)