I piccoli Comuni cercano la rivincita

I piccoli Comuni della Liguria si uniscono in un progetto di consulta, un organismo di rappresentanza diretta che faccia da tramite con le istituzioni maggiori. Capofila e promotore della nascita della rete, è il piccolo centro di Maissana, in Val di Vara, che ieri ha riunito a convegno nella locanda «La Veranda» una sessantina di delegati di altrettanti enti locali liguri che hanno meno di mille abitanti. «Ci sono provvedimenti legislativi nazionali e regionali che danno segnali di attenzione alle nostre piccole realtà - spiega il sindaco di Maissana, Alberto Figaro - ci è venuto in mente di dare vita ad una consulta dei sindaci, che possa meglio raccogliere le esigenze che accomunano i Comuni con pochi abitanti, che per lo più nella nostra regione sono collocati nell'entroterra. Ben 97 comuni della Liguria, sul totale di 235, hanno meno di mille abitanti, e amministrano il 45 per cento del territorio regionale».
Il convegno, che impegnerà per tutta la giornata i delegati liguri, raccolti nella piccola frazione di Tavarone, mira a fare il punto sulle esigenze delle realtà piccole, che spesso si trovano ad affrontare problematiche grandi, e superiori ai mezzi risicati delle casse comunali.
«Personalmente ritengo che si possano individuare come piccoli Comuni quelli fino a tremila abitanti, e promuoverò questo tipo di interpretazione - spiega Figaro - abbiamo ricevuto adesioni da una sessantina almeno dei novantasette Comuni, ma sono certo che andremo ad unire tutte queste comunità. Noi vogliamo che la nostra voce risuoni limpida e ben identificabile in questa regione». Lo scopo è quello di una collaborazione con le istituzioni. A cominciare dalla Regione.