I piloti: c'è il rischio che Air France voglia il fallimento

L'allarme dell'Anpac: "Il governo ha il dovere di valutare attentamente questa ipotesi. La compagnia francese è uno dei due maggiori concorrenti industriali di Alitalia"

Roma - "Auspichiamo fortemente che l’atteggiamento di chiusura sui temi chiave da parte di Air France-Klm e la contestuale ricerca di ulteriore tempo per la trattativa, mentre Alitalia continua a perdere oltre un milione di euro al giorno, non si inquadri in una strategia mirata a generare le condizioni per il fallimento della compagnia di bandiera". Così i piloti dell’Anpac, con una nota, sottolineano che "il ministro dell’Economia, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e tutto il mondo politico hanno l’obbligo sostanziale e morale di valutare attentamente questa ipotesi, soprattutto in considerazione del fatto che è ben noto a tutti i massimi dirigenti di Alitalia che lo stato attuale della trattativa è assolutamente privo di ogni possibilità di conclusione positiva".

"Cerchiamo soluzioni alternative ai francesi" Una preoccupazione che l’Anpac sottolinea richiamando "l’attenzione dell’opinione pubblica e degli organi di informazione sul fatto che Air France-Klm è uno dei due maggiori concorrenti industriali di Alitalia". Per l’associazione di piloti "le ultime modifiche apportate al piano industriale" da Air France-Klm "hanno generato uno scenario nuovo ed assolutamente irrealizzabile", così, avverte l’Anpac, "chiunque oggi agisca in modo tale da favorire questa potenziale strategia di Air France-Klm mirata a costruire una trattativa in salita e senza esito, rischia di pregiudicare gli interessi dell’azienda, dei suoi azionisti e del paese". L’Anpac, che spiega di essere "impegnata nella ricerca di soluzioni alternative a quella di Air France-Klm".