I pittori di via Margutta: «Siamo stati sfrattati»

«Caro Walter, dissociati dallo sfratto dei pittori di via Margutta oppure cambia nome a questa strada». È questo il telegramma che l’Associazione dei pittori di via Margutta invierà al sindaco di Roma Walter Veltroni. «Dal 31 ottobre al 4 novembre - spiega Claudio Meli, uno dei rappresentanti dell’Associazione - si sarebbe dovuta tenere la mostra Cento pittori a Via Margutta che invece non ci sarà. I commercianti della via non ci vogliono e il comune ha collocato su tutta la strada grandi fioriere che di fatto ci impediscono di attrezzare la mostra. Esponiamo a via Margutta dal 1952 - conclude - non meritiamo questo trattamento». Il presidente del I Municipio Giuseppe Lobefaro spiega che «in effetti c’è un contrasto tra i pittori e i commercianti. Ma la questione è che nel rifare la celebre strada, che sarà inaugurata mercoledì dal sindaco, l’Ufficio Centro storico ha collocato delle fioriere per renderla più bella. Probabilmente il Campidoglio darà il permesso di tenere la mostra da un’altra parte - conclude, tipo piazza Mignanelli».