I pm chiedono il rinvio a giudizio per Sirchia

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex ministro della Salute Girolamo Sirchia. Oltre a Sirchia è stato chiesto il rinvio per altre 16 persone fisiche e per le società Immucor Italia e Haemonetics. Secondo il pm Maurizio Romanelli, Sirchia avrebbe ricevuto tangenti mascherate da consulenze in cambio di favori nell'assegnazione di appalti ai tempi in cui era primario del Policlinico di Milano. L'ex ministro avrebbe ricevuto, secondo gli inquirenti, 6000 dollari in contanti, 3 assegni da 11mila marchi tedeschi dalla filiale italiana della multinazionale Immucor, 260 milioni di lire dalla società Ortoho e 10mila dollari americani dalla Kawasumi di Tokyo. Per quanto riguarda l'appropriazione indebita Sirchia avrebbe ricevuto, quando era ministro, 100mila franchi svizzeri e 30mila euro. L'ex ministro è indagato nell'ambito di un'indagine per episodi che risalgono al 2004 di corruzione e appropriazione indebita. Secondo i suoi legali, «si è dimostrato che il professor Sirchia, non ha mai, in alcun modo, influenzato l'assegnazione di forniture del Policlinico di Milano a case produttrici di macchinari medicali e di presidi sanitari».