«I politici credenti devono opporsi ai Dico»

Il cristiano che sostenesse i Dico sarebbe «incoerente». È quanto si legge nella Nota del Consiglio permanente della Cei «a riguardo della famiglia fondata sul matrimonio e di iniziative legislative in materia di unioni di fatto». Un duro documento, preannunciato alcune settimane fa dal cardinale Ruini, e messo a punto dal «parlamentino» dei vescovi presieduto dal suo successore, l’arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco. Dall’unione commenti sdegnati: «Razzismo anti gay».