I postini si ribellano

I postini della Liguria attueranno, dal 25 luglio al 20 agosto, uno sciopero degli straordinari per protestare contro la mancata applicazione dell' accordo nazionale sul recapito. Lo sciopero è stato deciso in seguito alle carenze organizzative cui devono far fronte i postini durante il periodo estivo, anche per l’assenza dei colleghi in ferie, in modo particolare per ciò che riguarda la consegna delle «Pagine gialle» su tutto il territorio regionale. «Da troppo tempo ormai - dichiara Carlo Olivari, responsabile del settore Poste per la Slc Cgil di Imperia - i responsabili di Poste Italiane continuano a sostenere che il recapito è un settore fondamentale per l' azienda ma non presentano, come dovrebbero, le linee su cui sviluppare il suo futuro». Ecco perché all' azienda il sindacato chiede gli adeguamenti tecnici necessari, giudicando insufficiente il bonus economico che «comunque non può assolutamente diventare merce di scambio con le condizioni di sicurezza e con la prestazione oraria».
I postini si asterranno quindi da tutte le prestazioni straordinarie e dall' obbligo di eseguire fino a dieci ore mensili come prestazione aggiuntiva, ritenendo che «una massiccia adesione sia la risposta giusta all’arroganza aziendale e alla mancata concertazione».