I preziosi tornano a correre

I metalli preziosi chiudono la settimana in rialzo favoriti dalle difficoltà del biglietto verde. Il platino è salito a 1.474 dollari l’oncia, a solo 16 dollari di distanza dal massimo assoluto. Gli operatori scommettono su nuovi rialzi, infatti la domanda globale supera l’offerta di circa 260mila tonnellate. L’oro ha terminato a 815.25 dollari l’oncia recuperando, in cinque sedute, ben 27 dollari. Una situazione destinata a durare anche per le pressioni inflazionistiche alimentate dal petrolio. Tra le merci agricole, i prezzi dei semi di soia hanno raggiunto quota 11 dollari, il top dal 1973.