I primi fumetti da premio Oscar per uno spettacolo ghiacciato

«Oh, oh! Mi è palso di vedele un gatto»: un’esclamazione che si ripete ormai da oltre mezzo secolo. Per celebrare i sessant’anni dei cartoon della Warner Bros, Titti e Gatto Silvestro arrivano questa sera al Palaghiaccio di Marino con lo spettacolo intitolato Bugs Bunny on ice - Il giro del mondo in 80 minuti. Tra gli invitati che hanno già confermato la loro presenza alla grande festa targata Holiday on ice, di cui il pubblico romano ha potuto avere un assaggio nella pista di ghiaccio allestita a Natale al Parco della Musica, troviamo i celebri personaggi dei Looney Tunes, da Speedy Gonzales a Willy il Coyote, senza contare poi Bugs Bunny, Daffy Duck, Beep Beep, Yosemite Sam e tanti altri
A dar vita a un musical che strizza l’occhio al noto romanzo di Jules Verne, concorreranno una quarantina di artisti italiani e stranieri con costumi multicolori, numeri di pattinaggio, una colonna sonora d’eccezione e loro, gli animaletti amati da grandi e piccini.
Tutti si stringeranno attorno alla coppia più trafelata del mondo, dal 1947 protagonista di movimentati e spassosi inseguimenti: quella formata da Titti il canarino e Silvestro, il micio bianco e nero che in un primo tempo si chiamava Thomas (ribattezzato nel 1948 dal nome scientifico del gatto domestico, felis sylvestris). Titti-Tweety era già apparso nel 1942, Silvestro nel ’45, ma era il 1947 quando usciva Tweety Pie, il cartone diretto da Friz Freeleng in cui per la prima volta il micio rincorre il canarino dopo averlo visto nella neve, intento a scaldarsi accanto a un sigaro acceso.
Tweety Pie valse alla Warner Bros il primo Oscar assegnato a un cartoon. Nella storia del movimentato sodalizio tra i due animali, in fondo legati da affetto, si segnala l’episodio in cui Silvestro è in preda ai sensi di colpa perché teme di aver davvero ucciso il volatile (è The last hungry cat, del 1961). Questa sera li vedremo viaggiare (e pattinare) dagli Stati Uniti alla Cina, dall’Australia alla Russia insieme al resto della combriccola. Dopo Roma (dove si fermerà fino a domenica 4 marzo), il musical farà tappa a Milano, Bologna, Firenze, Genova, Pesaro e Torino e la tournée mondiale proseguirà fino al 2009.
Spettacolo ore 20.30, biglietti da 18 a 32 euro, 12 euro per bambini fino ai 12 anni.