I profughi alla giunta: «Vogliamo alloggi» Oggi il presidio davanti al Comune

Ieri sono scesi in piazza i lavoratori dell’Alfa. Una mini-manifestazione, solo un camion con i megafoni montati sul tetto ha raggiunto piazza Scala. Oggi davanti a Palazzo Marino si sono dati appuntamento alle 14 i profughi per bussare alla porta del Comune governato da Pisapia. «Da più di 2 anni i rifugiati di Eritrea, Etiopia, Somalia, Sudan ed altri sono in lotta per l’accoglienza e l’alloggio dignitosa - spiega l’associazione 3 Febbraio che ha organizzato il presidio -. In piazza Oberdan per alcuni mesi i profughi hanno dato vita ad un presidio permanente. La vecchia giunta ha sempre negato un’accoglienza dignitosa a questi profughi, indicando come unica soluzione i centri antifreddo, i cosiddetti dormitori». Chi fugge da teatri di guerra e persecuzione «ha diritto ad un’accoglienza dignitosa che permetta di ricostruire la propria vita e chiederemo a Pisapia - anticipano i promotori - azioni concrete come garantire loro degli alloggi». L’associazione ha organizzato per sabato in piazza Oberdan anche una «Notte bianca della solidarietà».