I ragazzi dello «Ied» al Festival noir

Perché ci piacciono i complotti? Cinema, letteratura, televisione, mostre e incontri per il Courmayeur Noir in Festival, la manifestazione all'ombra del Monte Bianco, diretta da Emanuela Cascia, Marina Fabbri e Giorgio Gosetti, che inaugura stasera la sua 18 edizione, nei nuovi spazi del PalaNoir. Anche quest'anno IED Arti Visive, l'Istituto Europeo di Design di Milano partecipa al festival con Mini Noir, lo spazio dedicato ai più piccoli con un percorso parallelo fatto di incontri, personaggi, film in anteprima e l'allestimento di una mostra di manifesti sul complotto. Tra le grandi anteprime del Mini Noir, attenzione va allo spettacolare fantasy City of Ember di Gil Kenan, alla parodia della fiaba Lissy Principessa alla riscossa e al film-evento di Natale della Disney Beverly Hills Chihuahua con una irresistibile Jamie Lee Curtis.
La serata d'inaugurazione si apre con l'anteprima assoluta, alla presenza dell'autore, di «The Bank Job» di Roger Donaldson, thriller ispirato a una rapina a Banker Street, realmente accaduta nel 1971, nella quale si ritrovarono, a vario titolo, coinvolti mafia, governo e famiglia reale. Quaranta tra film, serie televisive e programmi speciali, dieci titoli in concorso per il premio Leone Nero, venti scrittori scelti tra gli «assi» del genere in tutto il mondo e una ironica retrospettiva-omaggio firmata da Marco Giusti, dedicata agli 007 all'italiana. Tema d'approfondimento e filo rosso che percorre l'edizione 2008, la «passione del complotto», a cui sono dedicati anche una serie di incontri tra cui quello coordinato da Ranieri Polese e il faccia a faccia sul rapporto tra vero e verosimile, condotto da Gaetano Savatteri tra il magistrato Roberto Scarpinato e lo scrittore Carlo Lucarelli. Tra i titoli più attesi della selezione ufficiale, il messicano Los Bastardos di Amat Escalante, ventiquattro ore nella vita di due immigrati messicani, rivelazione a Cannes 2008, il canadese Le piège américain di Charles Binami, una nuova verità sull'omicidio Kennedy, l'italiano Io sono viva, esordio dei Fratelli Gentili con Massimo de Santis e Giovanna Mezzogiorno, il francese Ca$h di Eric Besnard con Jean Reno e Valeria Golino. Per il programma competitivo Doc Noir, curato da Luciano Barisone e Carlo Chatrian, da tenere d'occhio Apology of an Economic Hitman con le rivelazioni segrete dell'ex agente CIA John Perkins, l'israeliano Strange Death, e l 'italiano Parafernalia di Massimo Coppola e Giuseppe Giommi, sul potere della religione, tra speranza di salvezza e inganno globale. Per la TVNoir sono attesi i nuovi episodi delle serie Criminal Minds con Joe Mantegna e Dexter, la maratona di Donne Assassine in onda su FoxCrime e i primi episodi della serie di culto The Wire, sceneggiati dal premio Oscar Richard Price, anche in giuria per il cinema, insieme allo scrittore Don Winslow, il regista Pablo Traperoe le attrici Valentina Lodovini e Astrid Berges-Frisbey.