I ribelli vadano a lezione da Ken il Rosso

Che cosa dovrebbe fare, cari sindaci, il vostro collega di Londra, Ken Livingstone, detto Ken il rosso, che ogni sabato permette al Queen’s Park Rangers di giocare a football nella zona di Portobello road? O all’Arsenal o al Chelsea e alle altre squadre londinesi che lavorano nei pressi del Covent Garden o di Harrod’s? Forse Livingstone, I presume, deciderà di bloccare la premier league anche perché, a Londra l’allarme terrorismo è più alto di Piacenza o Verona?
Questa, dunque, non è una storia ma una storiella italiana, una fotografia della miopia della pubblica amministrazione, di chi non ha capito, ad esempio, che proprio al sabato pomeriggio i tifosi della squadra avversaria diventano potenziali clienti nei negozi e nelle zone di mercato che invece restano chiusi alla domenica; di chi preferisce la notturna pur essendo lo stadio collocato vicino all’ospedale, di chi non ha capito che se la serie B ha ancora una possibilità di essere visibile deve giocare in date e orari diversi da quelli della serie A. Detto questo non sembra esserci spazio per il dialogo. La chiusura è totale. A cominciare dallo stadio.