I ritratti e le vedute di Emlio Vitali

All'Oratorio della Passione della Basilica di Sant'Ambrogio, a cura di Jean Blanchaert, i dipinti di un artista milanese che amava Venezia e Burano

All'Antiquum Oratorium Passionis della Basilica di S.Ambrogio una bella mostra ha ricordato l'opera dell'artista milanese Emilio Vitali. Esposte a cura della galleria di Jean Blanchaert un nucleo di opere, in prevalenza vedute, che abbracciano l'intero percorso di un pittore scomparso nel 1980 e i cui dipinti figurano in molte collezioni in Italia, Stati Uniti, Svizzera, Egitto. Dopo l'ultima guerra si è dedicato al paesaggio che ha alternato al ritratto con la stessa passione. Ha lavorato a lungo in varie città italiane ed all'estero, prediligendo Venezia e Burano. La sua vicinanza al mondo della musica lo ha condotto a ritrarre celebri personaggi della lirica, tra cui si ricordano Carlo Galeffi, Franco Corelli, Renata Tebaldi, e Cesare Siepi. Per quest'ultimo ha disegnato anche alcuni costumi di scena per il Don Giovanni di Mozart. Ha tenuto il suo studio a Milano e ha lavorato a lungo in varie città italiane e all'estero, prediligendo Venezia e Burano. Amava in modo particolare la sua bella Villa «Oleandra», la casa della sua infanzia, e ogni estate, con la propria famiglia, puntualmente ritornava a Laglio, offrendo agli amici la sua cordiale ospitalità. La villa, acquistata nel 1870 dal nonno, attualmente è di proprietà dell'attore americano George Clooney.
Negli Anni Sessanta viene assai favorevolmente criticato da Orio Vergani e Giorgio Nicodemi. Nel 1965 riceve la medaglia d'oro Città di Torino - Premio Internazionale «Europa 1965», pergamena d'onore e stella d'argento. Nel 1978 riceve l'Ambrogino d'oro del Comune di Milano. Opere sue si trovano in vari Musei e pubbliche Gallerie in Italia e all'estero, tra cui la Galleria d'Arte Moderna a Milano, il Museo Teatrale alla Scala di Milano, il Museo d'Arte Moderna di Buenos Aires, la Galleria d'Arte Moderna al Palazzo Pitti di Firenze, il Museo di Milano e il Museo del Castello Sforzesco di Milano.