«I rom sono la nuova mafia»

«La delinquenza dei nomadi è per l'Italia del Nord quello che la mafia e la camorra sono per l'Italia del Sud». A sostenerlo è un pm piemontese che, per la prima volta in Italia, ha contestato ai nomadi l'articolo 416 del codice penale, ritenendo «doveroso» accusare le bande di nomadi del reato di associazione a delinquere. Risultato: trecento arresti, duecento condanne pesanti. «Se le condanne venissero davvero scontate molti cambierebbero idea».