I romeni stuprano ancora ma noi li lasciamo liberi Altri cinque arrestati in Calabria per aver violentato una ventenne Ma resteranno in carcere o si ripeterà il caso di Guidonia?

Ancora violenze sessuali, ancora romeni protagonisti. Qualche giorno fa hanno colpito a Guidonia, poi è accaduto a Sibari, in Calabria, e poco importa che la vittima questa volta sia una madre romena e non una ragazza italiana. I cinque stupratori sono stati arrestati, ma resteranno in galera? Le recenti decisioni dei giudici, a dir loro imposte dalla legge, non fanno ben sperare. Allo stupratore di Capodanno a Roma hanno concesso gli arresti domiciliari. E il suo non è un caso isolato. Il Gip che ha confermato l’arresto per gli stupratori di Guidonia ha anche concesso i domiciliari ai loro due favoreggiatori, anch’essi romeni. E tra la gente cresce la rabbia e la sfiducia.