I segreti della vecchia Milano sbirciando in giardini e cortili

Dei tanti volti di Milano i chiostri e i giardini interni sono forse quello meno conosciuto. Con le loro fontane, le arcate, le eleganti linee architettoniche sono il ritratto più autentico di una città che cambia ma che non dimentica le sue radici.
Trenta giorni per riscoprire questi angoli segreti, nascosti dietro le facciate dei palazzi: è l'iniziativa «Cento Milano - La Milano dei cortili» promossa dall'assessore al Turismo Massimiliano Orsatti con la direzione artistica di Mario Migliora. Un percorso di musica, arte e poesia attraverso i giardini di oggi e di ieri, per mostrare quel lato della città che non ama raccontarsi ma preferisce restare nell'ombra.
Sei appuntamenti, da stasera al 26 giugno, per visitare luoghi come i chiostri dell'Umanitaria, il cortile di Palazzo Bagatti Valsecchi o il chiostro di Santa Maria Maddalena al Cerchio. «Un ciclo di eventi importante e ambizioso - commenta Orsatti -. Importante perché ripercorre la storia dei palazzi milanesi. Ambizioso perché porta a confrontarsi con la riservatezza di quanti ogni giorno frequentano questi luoghi».
Si comincia stasera alle 21, alla fondazione Maimeri (corso Colombo 15) con la doppia rassegna «Maimeri e i Cortili» (retrospettiva dell'omonimo pittore meneghino) e «Milano Aperta, antiche foto di cortili», carrellata fotografica tratta dall'archivio civico. Sempre alle 21 il giardino della fondazione ospiterà «Viaggiatori Eccellenti», omaggio artistico ai tanti scrittori che hanno visitato e raccontato Milano, da Hemingway a Stendhal da Byron a Dostoevskij.
Giovedì prossimo al chiostro Bramantesco di via Cappuccio 7 sarà la volta di «Tra ratio e passione», un surreale dialogo in musica fra Leonardo da Vinci e Leon Battista Alberti, mentre il 12 giugno a Palazzo Bagatti Valsecchi (via Gesù 5) andrà in scena «Dannunziana - Fuochi fatui e fuochi veri» dedicato al vate della nostra letteratura. Il 19 al centro di incisione di Alzaia Naviglio Grande (ore 19.30) verrà inaugurata la collettiva d'acqueforti «Milano in paradiso» e alle 21 sarà l'ironia di Mirton Vaiani ad animare un tipico cortile della vecchia Milano con lo spettacolo «Sul Navili». In coda all'itinerario, i chiostri dell'Umanitaria che giovedì 26 ospiteranno il «concerto di mezza estate» con arie di Mozart eseguite dall'Orchestra della Provincia di Lecco e dalla Filarmonica di Milano, dirette dal maestro Roberto Gianola.
Ma la «Milano dei Cortili» non sarà solo un viaggio nel mondo dell'arte e della musica. In programma il 7 e il 14 giugno il «Giro turistico in bici alla scoperta dei cortili» con partenza da piazza del Cannone. Non una, ma ben tre proposte differenti per gli amanti delle due ruote: dal tour dei giardini storici (15.30-17) a quello dei chiostri (17-18.30) al percorso dei cortili artistici (18.30-20). L'iniziativa fa parte di un progetto più ampio ideato dall'assessorato al Turismo del Comune per valorizzare i luoghi, le tradizioni, le eccellenze spesso dimenticate del capoluogo lombardo. Il sesto ciclo di incontri è previsto per il mese di luglio, con una serie di appuntamenti dedicati al legame tra la città, il teatro e il melodramma.