«I serial meglio dei telegiornali»

Carlo Freccero boccia i telegiornali ed esalta i telefilm americani di nuova generazione: «Tendono a costruire uno spaccato della società. E lo fanno con una sensibilità superiore agli strumenti tradizionali: informazione, reportage, inchiesta sul campo. Non catturano la realtà, ma l’immaginario collettivo, sono la spia dell’inconscio che cova sotto il susseguirsi degli eventi quotidiani. In questo senso anticipano gli umori e le speranze del pubblico a cui sono rivolti» Così il direttore Rai firma un saggio sul periodico Link.