I sindacati ci credono: "Questa non è una rottura"

Si fa strada una posizione unanime: tutti pronti a una trattativa seria e immediata

Milano - Tra oggi e giovedì i sindacati di Alitalia avranno l’occasione di dimostrare unità, nonostante le nove sigle sindacali. Gli appuntamenti sono importanti: oggi incontreranno l’azienda e dopodomani il governo. In questi giorni nessuno si aspetta la conclusione della trattativa che si trascina ormai da troppi mesi, ma un atteggiamento costruttivo sì. Ora, dice Air-France, spetta ad azienda e sindacati decidere se riannodare i fili del confronto e la risposta delle varie sigle, pressoché unanime, non si fa attendere: vogliamo riprendere a trattare. Le decisioni del cda di Air France-Klm - hanno commentato la Cgil e la Filt Cgil - «non rappresentano una rottura e non escludono la possibilità di una ripresa del confronto tra le parti». Il sindacato di Corso Italia sottolinea che «la via maestra da seguire è quella della ripresa diretta delle trattative tra le parti». Disponibile al confronto anche la Fit Cisl che vede nelle decisioni del board di Air France-Klm «uno spiraglio aperto». Secondo il segretario generale, Claudio Claudiani, quella dei franco-olandesi «non sembra una chiusura definitiva e pare che oramai si pensi a una chiusura a dopo le elezioni. Riconfermiamo la nostra disponibilità a una trattativa che sia vera e, allo stesso tempo, l’indisponibilità a dare e ricevere ultimatum».

Per il leader della Uil, Luigi Angeletti, «se la posizione di Air-France si può interpretare come una disponibilità a riprendere la trattativa, noi siamo pronti a discutere». Per il segretario nazionale dell’Ugl trasporti, Roberto Panella «ci sono dei segni di apertura che cogliamo e riconfermiamo la disponibilità a trattare ma che sia trattativa vera». L’Sdl osserva come da parte di Air France-Klm non ci sia una chiusura e si riconferma «la disponibilità ad un confronto serio ed immediato». Anche l’Anpac si dice pronta al dialogo: «Noi - dice il presidente Fabio Berti - siamo pronti a un confronto caratterizzato da una discussione produttiva che si trasformi in una vera trattativa».