I soldi sequestrati a Lusi torneranno allo Stato

I beni mobili ed immobili per un valore di 16 milioni sequestrati all’ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi, non torneranno nelle casse del partito. Lo ha deciso la Corte dei conti

Non torneranno al partito (la Margherita) ma allo Stato, attraverso il ministero dell’Economia, i soldi sequestrati a Luigi Lusi. Si tratta di oltre 16 milioni di euro, tra conti correnti e immobili (al momento sotto sequestro), di cui l'ex tesoriere della Margherita si è appropriato Lusi tra il 2007 e il 2011. Lo ha stabilito la Corte dei conti nel giudizio che vede Lusi rispondere di un danno erariale per oltre 22 milioni di euro (cui vanno tolti i sei milioni di tasse già pagate) per la illecita gestione dei fondi ricevuti dal partito a titolo di rimborso per le spese elettorali.

L'ordinanza sarà comunicata, oltre che alle parti costituite, ai Presidenti del Senato e della Camera. I fondi, i beni e le proprietà a cui si fa riferimento sono già da
tempo oggetto di sequestro. La Corte, stabilendo che i soldi debbano andare all’Erario e non al disciolto partito della Margherita, ha di fatto accolto una richiesta dello stesso Lusi.

In un passaggio del documento della Corte dei Conti del Lazio si sottolinea poi che "Lusi... ha ammesso la propria responsabilità amministrativa e non ha contestato il danno derivante dalla sua illecita gestione dei fondi ricevuti dal partito politico Democrazia è Libertà-La Margherita a titolo di rimborso per le spese elettorali dei partiti politici che la Procura regionale ha determinato in euro 22.810.200,00 ma che il medesimo si è dichiarato disposto a restituire nella misura di euro 16.555.776,00, ridotta cioè della somma di euro 6.254.424,00, che assume di aver già versato all'Erario per imposte e tasse".

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 13/06/2013 - 15:01

ma lusi andrà in carcere? :-) o si appellerà alla prescrizione o a qualche sotterfugio per sottrarsi alla pena? :-)

vince50

Gio, 13/06/2013 - 15:13

E che cosa cambia,illegalmente se li era fottuti lui,adesso legalmente se li fotte lo stato(che NON siamo noi) e tutti vissero felici e contenti.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 13/06/2013 - 15:24

Quei soldi sono stati presi a titolo di "rimborsi" elettorali per far fronte a quelle particolari spese, quindi - visto che non sono stati impiegati per l'utilizzazione prevista - DEVONO tornare allo Stato. Allo Stato dovrebbero tornare gli stessi quattrini che sono stati incamerati dagli altri partiti e di cui non sia dimostrato il congruo impiego. Però chi può e vorrà fare gli "accertamenti" relativi?

epesce098

Gio, 13/06/2013 - 15:29

Quindi su questi 22 milioni di euro aveva anche pagato le tasse. E chi riceveva le denunce dei redditi di costui, non si è posto la domanda "da dove provengono tutti questi soldi?" Se ne è accorto dopo 5 lunghissimi anni.

Duka

Gio, 13/06/2013 - 15:53

Certamente che i soldi indebitamente sottratti vanno resi al Tesoro. Noi cittadini di uno STATO sempre più indecente dobbiamo sperare che la stessa strada sia seguita per tutti i LADRI istituzionali, cioè per oltre l'80% di coloro che ancora siedono in parlamento e chi li ha preceduti. Non dimentichiamo che la miglior industria di questo paese è il furto legalizzato, anche il famigerato e vergognoso vitalizio lo è.

Giorgio1952

Gio, 13/06/2013 - 16:46

Finalmente una decisione giusta, non merita la galera dovrebbero mandarlo ai lavori forzati, perchè è uno che non ha mai fatto nulla, le mani non se le è mai sporcate : Nato a Roma, il 25 novembre 1961, dal 1990 al 1994 è stato Segretario del Comitato Centrale dell'Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani. Fra il 1994 e il 1996 è stato consulente giuridico del Comune di Roma, guidato dal Sindaco Francesco Rutelli, per le politiche della casa e ACLI, per le quali coordina anche l'organizzazione di grandi manifestazioni nazionali. Tra il 1996 e il 1997 è sempre consulente nel Comune di Roma per le politiche della sicurezza. Dal maggio 1998 al dicembre 2000 ha esercitato le funzioni di Magistrato onorario presso il Tribunale di Velletri. Tra il 1999 e il 2004 è stato: Delegato del Sindaco di Roma, consigliere di amministrazione di Metroferro s.p.a. , Tesoriere del Comitato Rutelli 2001, in sostegno della candidatura a premier di Francesco Rutelli a premier del centrosinistra per le Elezioni politiche del 2001 poi perdente, e vice presidente di Trambus.

MEFEL68

Gio, 13/06/2013 - 17:04

Se Lusi ha potuto appropriardi di più di 20 milioni di euro del partito, senza che nessuuno si sia accorto di nulla (facciamo finta di crederci) e se nella Lega è accaduta la stessa cosa, vuol dire che ai partiti si danno troppi soldi; più del necessario. Del resto, in Germania ai partiti va lo 0,85 cent. per voto, in Italia, invece, 5 euro (sei volte tanto). Non è assurdo?

Ritratto di unLuca

unLuca

Gio, 13/06/2013 - 17:08

E cosa dice Ruttelli.

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Gio, 13/06/2013 - 17:10

Ha rubato di più il Trota o questo senatore del PD?

MEFEL68

Gio, 13/06/2013 - 18:48

Il CORVO ROSSO si domanda chi ha rubato di più.Che senso ha fare la graduatoria dei ladri? Ilproblema sono i troppi soldi che, pur non potendoseli permettere, si danno ai partiti.Se questi avessero il giusto per la loro attività, tali furti non potrebbero accadere e CORVO ROSSO non avrebbe questi problemi.

antonioamelio

Gio, 13/06/2013 - 19:33

E lo stato LADRO li ruberà allo stato del popolo bue.....

mandinospadicchio

Gio, 13/06/2013 - 20:14

e i patrimoni immobiliari dei partiti acquistati con il finanziamento pubblico non sono come quelli di lusi? quelli sono regolari? le cooperative costruite con soldi pubblici sono o non sono patrimonio pubblico? o sono anche loro dei partiti? quando le sequestriamo queste qui?

maninblack

Gio, 13/06/2013 - 21:26

ed i soldi che ci siamo fatti fottere dal Monte di PASCHI DI Siena(IMU) quando torneranno allo Stato?

piedilucy

Gio, 13/06/2013 - 23:25

praticamente i soldi se li mangeranno in parlamento ....potevano anche lasciali a lui tanto sono persi ugualmente...mica li usano per i cittadini

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 14/06/2013 - 01:28

Lo stato si riprende i soldi rubati da Lusi. Dove andranno a finire? Nelle tasche di un apparato statale impazzito che sta facendo vivere agiatamente personaggi che hanno danneggiato il nostro paese come Fini, Monti e politicastri del genere?