I Subsonica ispirati da «Gomorra» di Saviano

Plasmare un sound personale, intrecciando strumenti, tecnologia ed elettronica e scrivendo canzoni che non ti lasciano stare fermo per il loro ritmo ma che ti rimangono in testa tanto per la melodia come per i testi. È l'intento perseguito dai Subsonica, dal '97 a oggi. Anni di crescenti soddisfazioni. Anni nei quali i ragazzi torinesi dei Murazzi hanno saputo coinvolgere, grazie alla particolare alchimia sonora proposta, intere generazioni. Piacciono infatti tanto ai sedicenni quanto ai trentenni. Merito di una propensione al groove danzereccio quantomai ammiccante; di riff di chitarra ipnotici e distorti (che ricordano certa new wave di fine anni 80); di melodie suggestive ben supportate dalla voce di Samuel (con l'inconfondibile cappellino calato sulla fronte); e, ancora, di una presenza live impeccabile e al di sopra della media dei gruppi nostrani. Quest'ultima tutta da sperimentare stasera (tutto esaurito) e domani (biglietti ancora disponibili) al DatchForum di Assago, dove presentano il nuovo album «L'eclissi». Tra i pezzi forti «Piombo», incalzante cavalcata elettro-rock dedicata allo scrittore napoletano Roberto Saviano e al suo «Gomorra».