I supermercati sono già pronti: nasce «l’angolo della salute»

I «settori» saranno gestiti da dottori iscritti all’Albo

Rottura dell’immobilismo, concorrenza e maggiore possibilità di scelta per il consumatore. Saranno questi per Federdistribuzione, l’organismo di rappresentanza della grande distribuzione commerciale, gli unici effetti della vendita dei prodotti medicinali da banco anche nei supermercati. Nulla da temere, invece, per la salute dei consumatori. «Il decreto è chiaro e parla di farmaci vendibili senza prescrizione medica - sottolinea il direttore generale Massimo Viviani-. Non dimentichiamo che ci sono stati anche dei pronunciamenti dell’Antitrust, che affermano che la vendita di questa categoria di medicinali può avvenire anche all'esterno della farmacie con distributori automatici». Per questo Federdistribuzione auspica addirittura un passo avanti rispetto a quanto previsto nel decreto Bersani: «Alcuni di questi prodotti vengono anche pubblicizzati - dice Viviani- e per il futuro ne proporremo la vendita a scaffale senza bisogno della presenza del farmacista». In questo modo anche supermercati più piccoli, che non potrebbero sopportare il costo della presenza costante di un professionista, potranno sfruttare questa opportunità. Il risultato, sempre secondo Federdistribuzione, ci sarà una vera e propria liberalizzazione che non riguardi solo poche centinaia di punti vendita. In attesa che il Parlamento approvi il testo di legge definitivo, le grandi catene stanno cominciando ad attrezzarsi. Il gruppo Sma-Auchan ha già all’interno dei suoi punti vendita reparti dedicati a prodotti parafarmaceutici per la cura e l’igiene della persona. Proprio da questi settori partirà l’allestimento dei corner per la vendita dei medicinali. Da tempo alla guida della «campagna per farmaci liberi e a prezzi più bassi», anche Coop si sta preparando alle nuove norme. I farmaci, assicura il gruppo, non verranno trattati come gli altri prodotti. I corner saranno infatti studiati in modo da evitare l’accesso libero ai medicinali e l’acquisto potrà avvenire solo con la mediazione di un farmacista iscritto all’albo.