Dopo i tagli a Malpensa, Fiumicino vola

Nello scalo di Roma i passeggeri aumentati fino a 110mila al giorno. Per l'estate atteso un incrmento dei voli. Dal primo maggio entrerà in funziona anche il Terminal 5

Roma - Dopo il taglio dei voli Alitalia nello scalo di lombardo di Malpensa, l'aeroporto di Fiumicino vola. Al Leonardo da Vinci infatti, in questi ultimi giorni sono aumentati il numero dei movimenti giornalieri e dei passeggeri in transito. I primi hanno toccato punte di 1.070 al giorno a fronte dei 950 movimenti dello stesso periodo dell’anno. I passeggeri transitati nello scalo romano invece vanno da 94.000 a 110.000 al giorno, numeri registrati lo scorso anno durante i picchi di luglio e agosto.

È l’Enac a fare un primo bilancio del traffico a Fiumicino, dal 30 marzo a oggi, da quando è avvenuto il trasferimento di voli Alitalia da Milano Malpensa a Roma Fiumicino. Il punto della situazione emerge in seguito all’incontro odierno tra l’Enac, Alitalia, AdR Aeroporti di Roma, Enav e Assoclearance per una valutazione degli effetti sull’operatività dell’aeroporto in concomitanza della ridefinizione del network Alitalia con l’avvio della stagione estiva del trasporto aereo.

Al Leonardo da Vinci si attendono tuttavia per l’estate e le festività punte di 1.250 movimenti al giorno, ovvero circa 150 movimenti/giorno in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. "Le varie componenti del sistema, pur in presenza del consistente aumento dei voli e dei passeggeri - si legge in una nota dell’Enac - stanno rispondendo positivamente sia per quanto riguarda le procedure di movimentazione decollo ed atterraggio degli aerei, sia per il funzionamento dell’aeroporto e per la gestione dei bagagli".

"Nella gestione bagagli si sono registrate alcune limitate disfunzioni che - spiega l’Enac - rientrano però in disguidi fisiologici del sistema. Sono previsti alcuni affinamenti relativi alle procedure di rispetto degli slot. Dal 14 aprile verranno imposte ulteriori restrizioni nella procedura finalizzata al controllo degli slot per eliminare ogni possibile attività effettuata con voli disallineati rispetto allo slot effettivo».

Dal primo maggio, con l’attivazione del T5, terminal dedicato ai voli sensibili, si prevede ci siano ulteriori benefici nell’efficienza operativa dell’aeroporto. L’Enac, attraverso il direttore dell’aeroporto di Fiumicino e un team di ispettori, continuerà a monitorare quotidianamente il funzionamento dello scalo per intervenire, ove necessario, per prevenire criticità, assumere provvedimenti e eventualmente per sanzionare gli operatori che non dovessero rispettare gli standard richiesti nelle loro prestazioni.