I talebani assaltano un carcere: mille detenuti in fuga, caccia all'uomo

Attacco a Kandahar, uccise sette guardie: usate moto e anche un'autocisterna-bomba. Rivendicato l'attacco. In fuga centinaia di combattenti reclusi. Caccia all'uomo. Nel sudovest uccisi quattro soldati della coalizione

Kandahar - Almeno sette guardie sono rimaste uccise ieri nell'esplosione di un'autobomba e nel successivo attacco dei Talebani che ha consentito la maxi-evasione di quasi mille detenuti, fra cui molti combattenti talebani, ieri dal carcere di Kandahar, nel sud dell'Afghanistan. Lo rende noto il deputato afghano Walid karzai, fratello del presidente, Hamid Karzai.

"Abbiamo scoperto i corpi di sette guardie uccisei nell'attacco alla prigione", ha detto Walid Karzai, che presiede il consiglio della provincia di Kandahar ed è viceministro. "Nel carcere c'erano circa mille detenuti e la maggior parte di loro è fuggita", ha aggiunto. "Non posso ancora fornire cifre precise perché l'inchiesta è ancora in corso e stiamo ancora contando i detenuti rimasti nella prigione. Stando alle ultime informazioni, però, diverse centinaia di detenuti sono rimasti nel carcere". Il fratello del presidente Karzai ha poi ricordato che "le forze di sicurezza afghane hanno lanciato una vasta caccia all' uomo per ritrovare gli evasi. Stanno setacciando la città (di Kandahar) oltre alle strade principali e secondarie" del distretto.

I Talebani hanno rivendicato oggi l'attacco di ieri al carcere di Kandahar che ha permesso l' evasione forse di un migliaio di detenuti, fra i quali centinaia di combattenti talebani. I ribelli affermano che l'assalto è stato condotto da combattenti a bordo di moto con l'uso anche di un'autocisterna-bomba. "Rivendichiamo l'attacco contro la prigione", ha detto all'agenzia France Presse un portavoce della guerriglia integralista. "Abbiamo prima lanciato due veicoli imbottiti di esplosivo, fra cui un camion cisterna, contro il muro di cinta. Poi i nostri mujaheddin (combattenti per la fede, ndr) alla guida di motociclette sono penetrati nella prigione uccidendo i guardiani. Siamo riusciti a liberare tutti i prigionieri, fra i quali c'erano i nostri fratelli talebanì, ha detto ancora il portavoce.

Sei dei circa mille evasi sono stati catturati in alcuni villaggi nei distretti vicini di Zhari e Panjwayi. Lo ha annunciato il viceministro dell'Interno afghano, Munir Mangal. Il viceministro ha inoltre dichiarato che 40 guardie sorvegliavano la prigione al momento dell'assalto. Il responsabile dell'amministrazione penitenziaria, Amir Mohammad Jamshid, ha affermato che tra i detenuti evasi c'erano anche "importanti responsabili taleban", senza tuttavia fornire i loro nomi. 

Nel Sudovest uccisi 4 soldati della coalizione Quattro soldati della forza internazionale a guida Usa sono morti nell'Afghanistan sudoccidentale in un'esplosione. Lo riferisce la coalizione. Secondo un conteggio basato sui comunicati militari, sono 83 i soldati stranieri morti in Afghanistan dall'inizio dell'anno.