I tassisti e il Grande timoniere

Premesso che non ci sono mai piaciuti i blocchi stradali, né gli scioperi selvaggi, fa davvero una certa impressione leggere i commenti di alcuni esponenti del centrosinistra di fronte alla protesta dei tassisti che sta paralizzando molte città. Il senatore dei Verdi-Pcdi Dino Tibaldi per esempio lamenta che i guidatori di auto pubbliche non rispettino le regole sull’esercizio del diritto di sciopero e definisce il comportamento dei tassisti inaccettabile, mentre il capogruppo della Rosa nel pugno alla Regione Lazio, Donato Robilotta, invita il prefetto ad applicare la legge. Il nostro stupore è dovuto al fatto che per anni abbiamo criticato i lavoratori che bloccavano le autostrade a sostegno delle loro vertenze. Per anni abbiamo denunciato l’uso distorto e prevaricatore del diritto di sciopero. Ma all’epoca la sinistra era sempre al fianco di chi organizzava blocchi stradali e astensioni selvagge: a dimostrazione che lo sciopero è un diritto se disturba il manovratore di centrodestra, non è più un diritto se infastidisce Prodi, il Grande timoniere dell’Unione.