I tifosi Oggi la grande invasione E a Tor di Quinto «Fergiefields»

REDS Il campeggio trasformato per i fan inglesi. Che inneggiano ai boccali di birra...

Bere da oggi alle 17 non si può più. Per questo le avanguardie dei tifosi di Manchester e Barcellona che già ieri giravano per il centro di Roma sembravano particolarmente ansiose di riempirsi il più possibile di birra prima del coprifuoco. Con la lattina in mano e indosso la maglia della squadra del cuore, spagnoli e inglesi hanno girato pigramente tra i monumenti della capitale, qualcuno ha fatto anche capolino al Champions festival con vista sul Colosseo per entrare in clima agonistico, trovandolo però pieno di bimbi con la maglia di Roma. Nessun problema di ordine pubblico. Anche perché la parte più consistente e più preoccupante delle tifoserie arriveranno tra stasera e mercoledì mattina: 50mila in tutto, 30mila dall’Inghilterra e 20mila dalla Spagna. In più 5mila perSone, per lo più inglesi, senza biglietto che cercheranno di procurarsene uno in extremis e, in caso probabilissimo di fallimento, si accontenteranno di godersi l’atmosfera della partita guardandola in pub e bar unendosi ai connazionali nei successivi eventuali festeggiamenti. La maggior parte degli «invasori» giungerà in aereo, a bordo dei 150 charter organizzati per l’occasione che atterreranno a Fiumicino e a Ciampino. Ma almeno 1700 tifosi «blaugrana» giungeranno dalla capitale catalana via nave attraverso il traghetto di linea che collega Barcellona a Civitavecchia.
La Questura ha disposto due aree di raccolta per i tifosi: quelli inglesi saranno concentrati in piazza delle Canestre e gli spagnoli in via Cipro. Le forze dell’ordine monitoreranno anche le aree del centro storico (Campo de’ Fiori, Pantheon e piazza Navona) con l’aiuto di agenti inglesi e spagnoli.
Tra i luoghi della città che più saranno coinvolti dalla finale di domani c’è certamente il campeggio di Tor di Quinto, trasformato in «Fergiefields» (ovvero campo di Fergie, alias Alex Ferguson, manager del Manchester United), vero e proprio quartier generale dei Reds. Sul sito internet dove i tifosi inglesi posso prenotarsi per alloggiare nel camping i tifosi inneggiano «alla birra a tre euro a pinta» perché «non ci sarebbe festa senza forti sbornie», mostrando quindi di non dare troppo peso al coprifuoco alcolico disposto ieri dalla Prefettura di Roma. Ieri intanto gli organizzatori, tutti inglesi, hanno lavorato a pieno regime per allestire gli spazi, che saranno «inaugurati» oggi, con mega schermi, postazioni di dj per sparare muisca a tutto decibel, spacci dove vendere birra a prezzi modici, nonostante il divieto che scatterà alle 17 e che riguarderà anche «Fergiefields» . Il tutto a poche centinaia di metri dall’Olimpico. Lo staff, che organizza in tutto il mondo trasferte per i Reds, ha garantito la presenza di un servizio di sicurezza interno e il controllo delle prenotazioni dei tifosi, con tanto di foto identificativa.