I tifosi sognano Milito Il Genoa apre la porta a Storari o a Romero

Il sogno di una notte di mezza estate per i genoani è sempre lui, Diego Milito. I tifosi sono tornati a sperare, nelle ultime ore, in quello che sarebbe un clamoroso ritorno (il terzo dal 2005 ad oggi) del «Principe» in maglia rossoblù. L'ipotesi resta molto difficile, lo stesso Preziosi aveva definito quest'operazione come «impossibile». Ma è certo che ancora una volta, sull'asse Genova-Milano (sponda nerazzurra), si stanno intrecciando parecchi destini di mercato.
L'interesse dell'Inter per Palacio è arcinoto. E ai rossoblù, solo fino a pochi giorni fa, avrebbe dovuto arrivare il portiere Viviano, che poi però si è gravemente infortunato. Preziosi però aveva sempre detto no ad un possibile scambio tra l'ex portiere del Bologna e l'esterno argentino, ed anzi aveva continuato a chiedere – a gran voce - «una contropartita tecnica adeguata».
L'Inter ha cercato in tutti i modi di convincere Pandev ad accettare la corte rossoblù, ma non ce l'ha fatta. Negli ultimi giorni, per arrivare a Palacio, i nerazzurri hanno messo sul piatto, nell'ordine, Mariga, Muntari e persino l'olandese Castaignos. Niente da fare però: per ora Palacio non si muove. Ieri a Milano c'è stato un altro incontro interlocutorio, tra i d.s. Branca e Capozucca, che non ha smosso più di tanto le posizioni. Ed è qui che si fa strada l'ipotesi (soprattutto affascinante) di una contropartita tecnica ben più gradita ai rossoblù, ovvero lo scambio tra Palacio e Milito. Già, il «Principe» che aveva affossato la Samp con quattro gol nel derby e che probabilmente è stato il giocatore più forte mai visto in rossoblù negli ultimi vent'anni.
Facile da dire, difficile da farsi: Milito – anche se ora ha 32 anni ed è reduce da una stagione luci ed ombre – percepisce un ingaggio faraonico e soprattutto gode dell'immutata stima di Gasperini (ora sulla panchina dell'Inter), che proprio grazie ai suoi gol aveva sfiorato la Champions tre anni fa col Genoa. Insomma, sognare non costa nulla ma al momento stiamo parlando solo di una pazza idea. A meno che – ed è questa la speranza a cui si appigliano i tifosi rossoblù – l'Inter non chiuda per Tevez del City. A quel punto forse Milito (con Palacio nerazzurro) rischierebbe di trovare poco spazio. E chissà che un clamoroso ritorno non si possa davvero realizzare. Nella giornata di oggi potrebbero svolgersi nuovi incontri tra Inter e Genoa.
Rebus portiere: sfuma la pista Sirigu (è passato al Paris Saint Germain, 3,5 milioni al Palermo e per lui contratto pluriennale da 650 mila euro), resta in ballo Frey (il Genoa avrebbe offerto 3 milioni alla Fiorentina) e si torna a parlare di Romero, l'argentino dell'Az Alkmar già accostato ai rossoblù la scorsa stagione. In lizza anche Sorrentino del Chievo, su cui però sarebbe in vantaggio proprio il Palermo. Ma alla fine, anche oin questo caso, l’ipotesi che sembrava meno percorribile, quella di Marco Storari, potrebbe rivelarsi quella vincente. Sul fronte attaccanti, resta vivo l'interesse del Genoa per Gilardino (la Fiorentina è sempre interessata a Kharja), di certo Preziosi da qui alla fine metterà a segno almeno un colpo nel reparto offensivo. Le alternative restano Floccari e Floro Flores.