I tir travolgono Milano: è finita la benzina

Distributori presi d’assalto, code di mezz’ora ai benzinai, tir scortati dalla polizia, scorte alimentari esaurite, prezzi aumentati del 10%, mezzi del 118 a secco. Scenario di guerra in città: queste le conseguenze immediate dello sciopero dell’autotrasporto che ha già paralizzato l’Italia intera. Banchi dei mercati vuoti, mezzi pubblici fermi a causa dei serbatoi prosciugati, neonati senza latte, montagne di frutta e verdura a marcire nei magazzini: lo scenario che potrebbe prospettarsi per i prossimi giorni.
Dopo il fallimento nel pomeriggio di ieri del tavolo tra governo e sindacati, con le associazioni che abbandonano palazzo Chigi proclamando sciopero fino a venerdì, in serata il ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi ha precettato gli autotrasportatori limitando il fermo fino alla mezzanotte di ieri. Intanto i 303 distributori cittadini (...)