I tram passano col rosso, Tapiro alla Moratti

I mezzi dell’Atm vengono pizzicati dalle telecamere di «Striscia la
notizia» mentre tirano dritto al semaforo, Il sindaco non riceve la
troupe. L’assessore Croci: «Certe violazioni non sono tollerabili, il
Comune interverrà»

Muso lungo a Palazzo Marino. Anzi doppio muso lungo, come diceva ai tempi d’oro Gerry Calà. Il sindaco di Milano ha fatto il bis, di tapiri s’intende. E sempre per lo stesso motivo: l’azienda dei trasporti municipali.
Ieri, infatti, l’inviato di Striscia la Notizia Valerio Staffelli ha cercato di consegnare a Letizia Moratti il tapiro d’oro, scelto proprio per il suo «muso lungo», per la guida spericolata dei conducenti Atm. Palazzo Marino, ore 10.30 Staffelli vuole attapirare il sindaco e mostrarle un video dove si vedono conducenti di tram passare spudoratamente con il rosso. Il tutto nelle vie più centrali della città, da Cordusio a Cairoli. Il giornalista aspetta mezz’oretta, poi lo staff del sindaco lo invita - prima di essere ricevuto dalla Moratti - a parlare con i responsabili del servizio, ovvero l’assessore alla Mobilità del Comune Edoardo Croci e il presidente dell’azienda, Elio Catania. La promessa: il sindaco lo riceverà.
Staffelli si dirige diligentemente in piazza Beccaria, dove viene ricevuto dall’assessore Croci, che guarda il filmato. Nota per chi non avesse visto la puntata di ieri sera: nei video si vede un conducente di tram suonare il «clacson» alla macchina che ha davanti per passare. L’auto è ferma al semaforo rosso, il tram ha il verde per girare. Quando l’auto finalmente «si toglie di mezzo», passando con il rosso, esasperato dal clacson insistente, il tram può passare, ma nel frattempo il semaforo è diventato rosso. Altra scena: si sente in lontananza una sirena dei vigili del fuoco. Il tram, non solo non lascia passare il camion, ma passa con il rosso, ostacolando i vigili del fuoco. «Queste immagini parlano da sole - il commento a caldo di Croci, che ha chiesto una copia del video - interverrò presso Atm per verificare le situazioni filmate. Evidentemente violazioni vi erano e non sono tollerabili. Il codice della strada non deve essere violato da nessuno, a maggior ragione dagli autisti di Atm».
Soddisfatto, Staffelli va a trovare il presidente dell’azienda Elio Catania, ma non viene ricevuto: «L’agenda del presidente è fitta di impegni, oggi non può riceverla. Può parlare con un dirigente, però» gli viene detto. «Nessun nostro autista è mai stato multato - replica l’azienda -. Certo, su cinquemila conducenti è possibile che qualcuno sia passato con il rosso. È vero, però, che nel filmato ci sono due casi in cui si vede chiaramente che il conducente passa nonostante il semaforo. Aspettiamo di sapere il giorno e l’ora in cui sono state girate le immagini per risalire al conducente e aprire un provvedimento disciplinare». L’inviato di Striscia, con il suo tapiro sotto braccio, si dirige verso Palazzo Marino, per riscuotere l’incontro che il sindaco ha promesso.
Questa volta è la Moratti a svicolare. Dopo un’altra mezz’ora di attesa, infatti, il sindaco fa sapere di essere troppo impegnata. «Se l’è svignata» osserva Staffelli. Per dovere di cronaca bisogna aggiungere che un tapiro la Moratti se l’è già preso: due mesi fa per i continui incidenti dei mezzi pubblici.