Dopo i tre turni di squalifica Delvecchio ancora alla Samp

L'avventura in campionato di Gennaro Delvecchio proseguirà tra tre giornate «per aver colpito con una testata l'avversario». Ma la novità è un'altra: il centrocampista, dopo aver scontato i tre turni di squalifica, vestirà ancora la maglia della Sampdoria. La società infatti anche ieri ha tentato una cessione in extremis cercando un avvicinamento con il Cagliari, visto che il Palermo ha pensato che forse non era il caso di continuare la trattativa. Alla fine Delvecchio rimarrà alla Sampdoria - ma non è escluso un ultimo assalto dell’Atalanta che darebbe in cambio Migliaccio - dopo aver ovviamente pagato la multa inflitta dalla società. È andata invece decisamente meglio ai giocatori espulsi nelle vecchie amichevoli; secondo il giudice, infatti, «non sussistono motivi per non uniformare le proprie decisioni in tema di gare amichevoli all'orientamento giurisprudenziale da tempo consolidato». Il giudice ha così inflitto un'ammenda di 1.000 euro a Palombo e Accardi ammoniti nelle amichevoli Juventus-Sampdoria e Spezia-Sampdoria.
La Samp continua a seguire Nikola Lazetic, esterno di gran corsa che aveva già militato sulla sponda genoana. Al Torino come contropartita dovrebbe andare Mirko Pieri ma ieri la trattativa si è complicata. Intanto la società di Corte Lambruschini ha dichiaro incedibile, ma questa non è poi una grande novità, Andrea Parola. Lo ha annunciato lo stesso procuratore del giocatore Stefano Antonelli: «Parola rimane alla Sampdoria - ha detto Antonelli - nonostante qualche offerta ci sia anche stata. La società però non ha ritenuto opportuno cederlo, visto che Parola è un elemento importante per l'organico di Novellino. Sono arrivate richieste anche da Chievo e Livorno, ma il club blucerchiato non ha mai aperto alcuna trattativa». Comunque sia questa sera, alle 21, il mercato si chiude. La Samp deve ancora piazzare almeno Olivera, cercato dal Cagliari, oltre che arrivare ad un esterno, che sia o no Lazetic (se non dovesse arrivare l'esterno granata rimane comunque calda la pista Padoin del Vicenza).
Parlando di campo, invece, la squadra sta proseguendo gli allenamenti per il doppio turno settimanale. In realtà quello di domani a San Siro con l'Inter sembra più che altro una semplice formalità, visto il 3-0 dell'andata per i nerazzurri (arbitrerà Brighi di Cesena). Novellino manderà in campo tutti i baby, da Da Mota a Bastrini, a Soddimo. Probabilmente sarà proprio Bastrini a giocare qualche scampolo di gara in meno visto che il tecnico vuole impiegarlo dal primo minuto anche nella sfida contro l'Udinese. Piuttosto Novellino dovrà scegliere la coppia d'attacco: l'idea è quella di riproporre il duo Flachi-Quagliarella. E per quanto riguarda Bonazzoli il Milan sembrava essere interessato al giocatore che però non può essere ceduto perché ha già effettuato tre trasferimenti nello stesso anno, allora si è parlato di Flachi, ma la Samp deve comprare non vendere. E chi non ha alcuna intenzione di vendere è Riccardo Garrone: da Corte Lambruschini è arrivata ieri sera la secca smentita alla voci di una possibile vendita della società diffuse in un servizio dell’emittente Primocanale. «La società intende smentire in maniera categorica e decisa l'assoluta infondatezza di tale scoop» si legge in una nota del club blucerchiato. Che aggiunge: «Si ritiene altresì che queste illazioni abbiano un chiaro fine destabilizzante e diffamatorio». Garrone rincara la dose: «Sono esterrefatto e profondamente amareggiato da queste pseudo notizie, ancora una volta concepite dalla medesima fonte giornalistica». La Sampdoria si riserva inoltre di adire le vie legali al fine di tutelare l'immagine degli azionisti e della società stessa.