I trucchi per truffare gli anziani

I carabinieri di Montefiascone hanno denunciato un 63enne ed una 35enne, entrambi di Messina, ma di fatto residenti a Roma, responsabili, di truffa in danno di anziani. I due si sono resi protagonisti di due distinti episodi. In particolare, in via Dante Alighieri, la donna, alla guida di una Ford Focus grigia, spacciandosi per straniera, con la scusa di chiedere delle informazioni, ha avvicinato la vittima che a piedi si stava recando presso la vicina Asl. Mentre le due donne stavano parlando, si è avvicinato il complice, che si è spacciato per medico. A questo punto, la giovane donna ha offerto un passaggio con la propria auto ai due. Durante il tragitto la stessa millantava di essere in possesso di 250mila euro che doveva consegnare per scopi benefici ad un personaggio di Montefiascone. L’uomo è intervenuto affermando di conoscere il beneficiario della somma, rivelando però che era deceduto da alcuni giorni. Continuando la messinscena, la complice ha riferito che comunque era sua intenzione devolvere la somma di denaro in suo possesso a qualche ente benefico, mostrando una mazzetta di denaro ed aggiungendo di essere disposta a regalare parte di tale somma alla vittima e al complice purché dimostrassero di essere persone meritevoli. L’uomo ha quindi estratto dalla tasca una mazzetta di denaro e delle immagini sacre, professandosi fervido credente. I due hanno quindi chiesto alla vittima di mostrare loro del denaro, invitandola, se non disponibile, a prelevarlo dal suo conto corrente. La vittima però intuendo il raggiro, con una scusa è riuscita ad avvisare i carabinieri.