I valori cattolici della Margherita sacrificati sull’altare della poltrona

Il Cardinale Ruini ha non solo il diritto, ma sopratutto il dovere di intervenire su temi fondamentali per la Chiesa Cattolica quali la famiglia (i Pacs), l'aborto e l'eutanasia. Egli si rivolge ai cristiani tutti e in particolare ai cattolici. Non stupiscono i crucifige e lo starnazzare dei non-cristiani della sinistra, legati ad un laicismo ottocentesco. Per Grillini e Boselli in particolare qualunque cosa dica il cardinale su argomenti che riguardano la fede cattolica è condannabile come intervento inaccettabile negli affari interni dell'Italia. Per loro i cattolici italiani hanno solo il diritto di votare centrosinistra.
Stupisce e preoccupa il non intervento dei cattolici della Margherita in difesa dei diritti della Chiesa Cattolica. Castagnetti e amici sono disposti a qualunque compromesso pur di restare al governo. La CdL deve, con forza, far presente agli elettori cattolici della Margherita questo atteggiamento ambiguo e rinunciatario dei basilari principi cattolici da parte degli amici di Prodi. Votando Unione nelle elezioni amministrative si voterà anche a favore di quei provvedimenti che saranno di certo presi dal governo di sinistra contro la dottrina cattolica.