Dopo i veleni sudamericani, 3 punti nella calza

Giovanni Porcella

Il Genoa è su tutte le furie per i veleni sputati dal Paraguay su Enrico Preziosi sul caso che investe l’attaccante Dante Lopez e ieri la società rossoblù ha emesso un nuovo comunicato che si conclude con l’annuncio di una silenzio stampa di squadra e dirigenti che mira a preservare l’ambiente alla vigilia della ripresa del campionato che oggi vede la formazione di Vavassori impegnata contro la matricola Pizzighettone. Ma ad interessare è anche la nuova riunione della Caf, prevista per domani e l’arbitrato del Coni in programma mercoledì. Qui potrebbe essere ribaltata la sentenza della Disciplinare che aveva tolto tre punti per essere ricorso al tribunale civile.
Domani le due violazioni potrebbero essere unificate e grazie ad un «ravvedimento operoso» i tre punti potrebbero essere riconsegnati al legittimo proprietario.
Intanto continua anche la querelle con l’Olimpia con un comunicato firmato dal direttore generale Angelo Fabiani: «A seguito delle gravissime accuse completamente destituite di ogni fondamento, in relazione alla trattativa in essere per l’acquisizione del calciatore Dante Lopez, il Genoa risponderà nelle sedi di competenza con tutte le azioni necessarie, volte a dimostrare il contenuto calunnioso delle dichiarazioni rilasciate dal presidente del Club Olimpia.
Nessuno dei fatti evidenziati dal presidente del Club Olimpia corrisponde a verità ed è palese in tal senso la strumentale volontà di creare discredito nei riguardi della dirigenza del Genoa, nel contesto di un disegno architettato per scopi ancora non meglio definiti, al quale concorrono vari personaggi che hanno interesse affinché l’operazione non venga portata a termine». Per questo Fabiani annuncia che per non turbare la serenità di giocatori e dirigenza si passa al silenzio stampa e che ogni novità sul tesseramento di Lopez verrà resa pubblica con informative rese pubbliche dalla stessa società rossoblù. Ma il silenzio stampa è anche polemico nei confronti di organi d’informazione che non hanno dato spazio alla replica delle società.
Preziosi ha anche ribadito che il costo del bomber è stato di 3 milioni di euro. Intanto si torna a giocare. E Vavassori lancerà questo pomeriggio nella mischia, contro la matricola terribile Pizzighettone, i neo acquisti Fusco in coppia con Baldini al centro della difesa e Iliev che cercherà di portare fantasia all’attacco rossoblù sulla fascia sinistra, mentre a a destra opererà Rossi che ha superato i guai portati dai calcoli renali. Squalificato Coppola, senza Rimoldi e con Lamacchi ormai sul piede di partenza, a centrocampo c’è un po’ di emergenza.
E così potrebbe giocare Greco che poi saluterà la compagnia per andare al Catanzaro, mentre a rimpinguare il reparto arriverà il centrocampista Gonzales Kiese Rivaldo, nato ad Asuncion, in Paraguay, il 23 dicembre del 1987. In attacco tutti sono recuperati, ma è probabile che parta Zaniolo titolare con Caccia e Grabbi pronti ad ogni evenienza. La squadra rossoblù sarà seguita da circa 4000 tifosi e ancora una volta a Tedesco e compagni sembrerà di giocare in casa.