I Verdi: «Burlando tradisce la sinistra»

Ricorso al Tar contro la delibera della Regione che apre la caccia sul monte Ceppo

Non potevano mancare, nel paese delle streghe, una rappresentazione teatrale, e un dibattito interamente dedicati alle streghe. Presso il centro culturale «La strega» di Triora oggi pomeriggio (ore 15) andrà in scena l’opera «La strega», tratta dal romanzo «La chimera» di Sebastiano Vassalli, premio Strega 1990. L’adattamento teatrale e la regia sono di Laura Sicignano con Ilaria PArdini. A produrre lo spettacolo è il Teatro Cargo.
La trama dell’opera parla naturalmente di una ragazza, Antonio, che nel 1590 viene accusata di essere una strega. Tra testimoni in coda al processo e accuse costruite si arriva, venti anni più tardi, all’esecuzione. Sul rogo, come da tradizione, Antonia brucerà per mettere in pace il paese. Ma dietro la storia di Antonia si nasconde, neppure poi troppo, la condizione di molte donne perseguitate nel passato e forse non solo. Il rischio che la «dversità femminile» possa essere motivo di persecuzione è tuttora concreto.
Di questo si parlerà proprio nel convegno che seguirà la rappresentazione. «Le streghe siamo noi», è il titolo e a condurlo sarà Isabella De Martini, neuropsichiatra, docente universitaria e giornalista, nota ai lettori del Giornale per i suoi frequenti interventi su queste pagine.