I viaggi avventurosi dei container pieni di cibo e solidarietà

In queste ore sono a Rafah, al confine tra l’Egitto e la Striscia di Gaza, dove i militari egiziani stanno presidiando il varco per controllare che non si violi l’embargo imposto da Israele. Del caso si stanno occupando il senatore del Pdl Enrico Musso e il ministro Claudio Scajola, per tentare un accordo con le autorità egiziane che sblocchi l’iter. Per i «Creativi della Notte» vivere in situazioni al limite è la norma. L’associazione è nata nel 1988 da un’idea di Stefano Rebora che sfruttando la propria pluriennale esperienza di direttore artistico di locali notturni, italiani e non, decide di accorpare un gruppo di dj e pr al fine di organizzare eventi per divertire, divertirsi e creare un canale comunicativo per i giovani. L’idea funziona e così a poco a poco si abbina il divertimento e l’impegno sociale. Nel 1994 nasce l’organizzazione «Creativi della notte Music for Peace». L’obiettivo è quello di utilizzare la discoteca e lo svago anche come momenti di riflessione e di impegno concreto. Dalle idee all’azione il passo è breve e si dà inizio alle raccolte di generi di prima necessità. Partono le prime missioni umanitarie: Bosnia, Kossovo, Afghanistan.
Attualmente oltre alla missione umanitaria per i popoli delle Striscia di Gaza, già in corso, si sta preparando quella per il popolo Saharawi. L’intervento è previsto a luglio, subito dopo la conclusione della Fiera Festival Zena Zuena che si terrà in fiera dal 5 al 21 giugno dalle 14 alle 2 di notte. Sono in programma concerti, spettacoli di cabaret, tornei sportivi, laboratori per bambini. L’ingresso non sarà regolato da denaro, bensì dall’offerta di generi di prima necessità non deperibili che rappresentano una ricchezza per questa popolazione africana. Il magazzino Vte in piazzale Daewoo al porto di Voltri è il punto di raccolta permanente (previo telefonata) messo a disposizione all’associazione. Tutti possono partecipare portando generi alimentari non deperibili come riso, farina, zucchero, legumi, pelati, tonno e carne in scatola, miele) medicinali, pannolini per bambini e assorbenti, seggiole a rotelle e materiale ortopedico, dentifricio e spazzolini, giocattoli (peluche, palloni, frisbie e macchinine), quaderni, penne, ma anche frigoriferi, computer e macchine da cucire, detersivo per bucato a mano e sapone.