Per i vigili sarà un «autunno caldo»

Campionato al via, apertura delle scuole, impegno sul fronte anti-terrorismo e, come se non bastasse, il pattugliamento notturno della città per contrastare l’azione dei folli incendiari che dall’inizio dell’estate hanno dato fuoco a più di 200 tra auto e moto: i vigili urbani della capitale chiamano il sindaco Veltroni alla «resa dei conti». Marucci (Ospol): «Abbiamo compiti importanti di ordine pubblico eppure quasi gli stessi mezzi di semplici impiegati». Polemico anche Di Bella (Sulpm): «Siamo pronti a manifestazioni eclatanti, non è possibile che un Corpo così fondamentale in una città come Roma non abbia mezzi e risorse adeguate agli operatori di una metropoli».