«I vostri giardini espropriati per i nomadi»

In un volantino il sindaco chiede di mettere a disposizione i cortili, ma è uno scherzo

Un volantino su carta intestata del Comune di Opera e nel comune dell’hinterland milanese scoppia una nuova polemica legata alla vicenda dei rom ospitati nell’area circense. Gli autori del gesto potrebbero essere denunciati, ai sensi dell’articolo 656 del Codice penale, per «pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico», e per aver utilizzato illecitamente la carta intestata del Comune.
Nel volantino si legge: «Visto il notevole successo dell’operazione umanitaria “Emergenza Nomadi” di fronte alla nuova emergenza di via Triboniano, il Comune di Opera censirà nei prossimi giorni le abitazioni con giardino privato esistenti sul territorio, per valutare l’esistenza di spazi atti a ospitare roulotte, camper e tende affinché anche i parenti possano raggiungere e unirsi agli attuali Rom, che stazionano nell’area circense, ad ogni possessore è fatto d’obbligo mettere a disposizione l’area». Nel volantino è stata riportata anche la dicitura «Il Sindaco» con una sigla.
Un’iniziativa che non è piaciuta al sindaco di Opera Alessandro Ramazzotti: «È un episodio gravissimo per il quale ho già incaricato i legali del Comune. Non può essere considerata una goliardata, il volantino distribuito è un falso che ha provocato allarmismo tra i cittadini. È frutto del clima di tensione che la Lega Nord e Alleanza Nazionale hanno voluto diffondere tra la popolazione. È una palese dimostrazione di come agiscono i professionisti della paura e della mistificazione. Non è solo un insulto alle istituzioni - continua Ramazzotti -, si tenta di minimizzare lo sforzo di solidarietà e di umanità portato avanti dalla maggior parte della comunità operese. Evidentemente, la vera paura degli autori del volantino è che il 19 gennaio prossimo le istituzioni mantengano il loro impegno, individuando una sistemazione più stabile per la comunità rom».