«Con Ibm risparmio di energia e sicurezza»

«Pianificazione, sicurezza, collaborazione aziendale, ottimizzazione delle risorse informatiche, risparmio energetico: queste sono alcune delle aree nelle quali la piccola media impresa italiana può ottenere maggiore efficienza e per le quali la partnership tra Ibm e i suoi Business Partner assume un ruolo determinante». A parlare è Giacinto Damiani, Responsabile dei Business Partner di Ibm Italia.
«Il rapporto di partnership che Ibm ha stabilito e consolidato con loro - spiega - si basa su una forte complementarietà, di competenze e soluzioni, che ogni giorno garantiamo al mercato italiano e ai suoi protagonisti, specialmente alla piccola e media impresa».
In Italia, il valore di tale collaborazione può oggi essere stimato intorno al 50% del giro d’affari complessivo di Ibm in questo mercato. Il rapporto, inteso come una vera partnership basata sull’apertura e la collaborazione, ha come obiettivo strategico garantire innovazione al mercato coniugando l’esperienza dei Business Partner nel mondo applicativo con quella che IBM ha in tema di piattaforme infrastrutturali, marketing e indirizzamento dell’offerta.
E anche quest’anno c'è stata una grande partecipazione all’InnovationJam 2008, un brain-storming che, dal 2005, coinvolge ogni anno, in una discussione on line, della durata di tre giorni, centina di migliaia di dipendenti, clienti e partner di tutto il mondo su un tema specifico. Quest’anno l’argomento centrale è stato «L’azienda del futuro».
E l’innovazione è il fulcro attorno a cui ruota la presenza di Ibm a Smau 2008. «Spiegheremo alla piccola e media impresa italiana in che modo la più avanzata tecnologia informatica oggi disponibile, frutto di un’imponente attività di ricerca, si plasma a misura d’azienda trasformandosi in strumento d’efficienza e competitività - continua Damiani -, senza soluzione di continuità con le passate edizioni, dimostreremo che innovare si deve e si può, oggi in maniera ancora più facile, attraverso un ampio ventaglio di soluzioni e prodotti».
L’incontro a Smau Trade il 17 ottobre, a partire dalle ore 16, servirà proprio a illustrare quali strategie e quali forme innovative di collaborazione ne sostengono l’attività. «Il processo di innovazione nelle Pmi è sicuramente in corso, sebbene con differenti risultati - dice Damiani -: guardando alle diverse aree del Paese, non è possibile ignorare che accanto a punte di eccellenza (per esempio i settori meccanico, tessile, agro-alimentare) convivono situazioni in cui il riposizionamento è ancora in corso o nelle quali il ritardo nella focalizzazione degli opportuni investimenti si avverte in maniera netta, pesando come vero e proprio freno allo sviluppo della competitività. Per fortuna, le situazioni di quest’ultimo tipo stanno positivamente evolvendo proprio alla luce di una generale consapevolezza: spendere in prodotti e soluzioni di Information technology, e quindi in innovazione, è condizione necessaria del proprio successo. Non un semplice costo, ma un vero investimento con ritorni certi e misurabili».