Ibra blocco di marmo Si salva Giannichedda

JUVENTUS
6,5 BUFFON. Gran bella parata su Henry al 20’ st e su Fabregas al 18’ st, sempre presente. Ma con un grande portiere al massimo pareggi. E saluti l’Europa.
6 ZAMBROTTA. Uno dei due che hanno svolto bene il loro compito: sicuro, veloce, ha sempre cercato di tamponare e rilanciare.
5 KOVAC. Gioca per scelta tattica ovvero, a differenza di Thuram, servisse, non avrebbe remore di passaporto a far sentire i tacchetti a Henry. Ma il francese non si fa nemmeno sfiorare.
5,5 CANNAVARO. Cerca di dare il meglio di sé, che non sarebbe poco, anzi, ma gli inglesi arrivano da troppe parti.
4,5 CHIELLINI. Un autentico disastro. Fosse un semaforo, avrebbe un solo colore: il verde. (20’ st Balzaretti sv)
4 MUTU. Stanco, pesante e senza idee. (15’ st Zalayeta 6. Con lui uno che in area arriva sui palloni e crea spazi).
5,5 EMERSON. Da alcune settimane il suo motore non gira a mille e così il Puma miagola.
6,5 GIANNICHEDDA. Migliore dei suoi, purtroppo non è un buon segno per la Signora .
4,5 NEDVED. Si smarcherebbe pure sulla sinistra, ma si deve sbracciare perché i compagni se ne accorgano. Poi perde la testa: rifila calcioni e viene espulso.
4 TREZEGUET. Abbandonato in avanti, tradito da Ibra e mal servito dal centrocampo, lo si nota su ogni lancio fuori tempo e fuori logica perché o fuori gioco o fuori posizione. E ci mette pure del suo come al 30’ st quando cicca in area piccola.
3,5 IBRAHIMOVIC. Indisponente: ieri stava alla Juve come martedì Adriano all’Inter, un blocco di marmo.
All. Capello 4. Quando l’orchestra stecca, il direttore è il primo colpevole.
ARSENAL
6,5 LEHMANN. Sicurissimo e coraggioso.

7 EBOUÉ. Un turbo sul corridoio di destra. Ha il vantaggio di dover attraversare la zona Chiellini.
6,5 TOURÉ. Sicuro, non si fa mai suggestionare dai nomi degli avanti bianconeri.
6,5 SENDEROS. Più mastino di Touré, cattivo il giusto.

6,5 FLAMINI. Mutu gli fa un baffo.

7 HLEB. Un ciclone che i bianconeri subiscono e basta.

6,5 FABREGAS. Bene nel movimento, meno al tiro.

6,5 GILBERTO. Si farà anche portare via due palloni, ma ne tocca mille con estrema sicurezza.
7 LJUNGBERG. Tosto, ma mai cattivo, morde e lotta.

6,5 REYES. Veloce, cerca la conclusione. (17’ st Pires 6. Tanta volontà).
7 HENRY. Tra lui e il gol c’è solo Buffon.

All. Wenger 7. Azzecca la formazione, vero Don Fabio?
Arbitro: Fandel (Ger) 6,5. Sicuro e deciso.