Un Ibra marziano può battere i gufi

segue da pagina 28
(...) d'Inghilterra toccheranno al fuoriclasse Cambiasso e al poco apprezzato Cordoba e vinca il migliore, anzi speriamo di no, come diceva il paron Rocco. Poche storie: ero all'Old Trafford esattamente dieci anni fa e ricordo bene l'atmosfera. L'Inter aveva già perso nel sottopassaggio, intimorita dall'ambiente infernale e da un allenatore che decise che marcare Beckham non era la cosa più importante del mondo. L’allenatore adesso è un altro, ma l’ambiente è lo stesso che l’Inter troverà stavolta e non mi faccio illusioni. Cioè l'Inter passa il turno solo se Ibra fa il marziano e tutti gli altri sono in serata di grazia. Altrimenti, secondo logica, i campioni d'Europa e del mondo avranno la meglio su quelli d'Italia. E a proposito d'Italia, se l'Inter dovesse vincere anche questo scudetto, i tifosi dovrebbero volare alti: si raggiungerebbe il Milan a 17 titoli, con l'idea di puntare alla seconda stella, magari prima dei cugini: mettere il nome per quattro volte di fila nell'Albo d'oro di serie A ci riporterebbe all'epoca del grande Torino. Ma oggi questo sembra meno importante, perché tra due giorni a Manchester si prova a scrivere un'altra storia. E l’unica verità è che se facciamo il miracolo, i gufi dovranno volare ancora basso...
www.gianlucarossi.it