Un iceberg gigante alla deriva verso l'Australia: allarme alle navi

E' grande come Bologna ed è stato individuato dai satelliti 1.700 km a sud ovest del continente: le autorità australiane hanno lanciato un allerta alla
navigazione

Sydney - Continua ad avvicinarsi all'Australia l'iceberg gigante, grande come Bologna, individuato giorni fa da immagini satellitari 1.700 km a sud ovest del continente, e le autorità australiane hanno lanciato oggi un allerta alla navigazione.

L'ufficio di meteorologia ha indicato che il mostro di ghiaccio, staccatosi circa 10 anni fa dalla banchina antartica e grande all'epoca circa 400 km2, misura ora 140 Km2 per una lunghezza di 19 km e si sta lentamente rompendo in centinaia di iceberg più piccoli e meno visibili, pericolosi per la navigazione.

Gli scienziati stimano che l'iceberg, conosciuto come B17B, finirà per disciogliersi quando entrerà in acque più calde. Secondo il glaciologo australiano Neal Young, che l'ha scoperto grazie alle immagini provenienti da satelliti della Nasa e dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), il riscaldamento climatico potrebbe provocare l'aumento di questi fenomeni. "Non mi viene in mente di un simile iceberg dall'era delle grandi navigazioni", ha detto.

Il mese scorso una flotta di centinaia di iceberg staccatisi dall'Antartide era stata individuata a circa 450 km dalla Nuova Zelanda, allertando le autorità marittime locali.