Idea

Il video dell’esegesi della storia dell’unità d’Italia e dell’Inno di Mameli interpretate da Roberto Benigni sul palcoscenico dell’Ariston potrebbe essere diffuso nelle scuole. L’idea è nata nel corso di contatti telefonici tra il Quirinale e l’agente di Benigni, Lucio Presta. L’attore è entusiasta dell’ipotesi e l’idea non dispiace nemmeno al ministro dell’Istruzione Gelmini che ha commentato: «Se me lo chiede il Quirinale perché no?». A esprimersi a favore del progetto erano stati già da ieri mattina sia il presidente della Rai Paolo Garimberti che il conduttore del Festival, Gianni Morandi, auspicando che questo possa essere realizzato al più presto. Ovviamente, nel video-scolastico della performance di Benigni andrebbe solo la parte relativa alla storia d’Italia e all’Inno, e non la satira legata ai fatti di cronaca politica di queste settimane. Intanto anche il Presidente Giorgio Napolitano ha telefonato a Benigni, complimentandosi per la passione e la competenza con cui l’attore ha spiegato, dal palco dell’Ariston, le parole e il senso profondo dell’Inno nazionale. Anita Garibaldi invece, pronipote dell’Eroe dei Due Mondi, non è completamente d’accordo e ha commentato: «Avrei preferito un po’ più di riverenza. Ha fatto piacere sentire Benigni parlare di Tricolore e Unità d’Italia, ma è stato un po’ esuberante, istrionico. Almeno poteva evitare il cavallo».