"Iene" troppo audaci. E il bacio proibito fa infuriare Valeria

Le Iene hanno colpito ancora. E questa volta hanno fatto infuriare la Valeriona nazionale. Perché se è vero il motto della trasmissione tv, «le iene portano bene», la Marini avrebbe evitato volentieri il bacio portafortuna schioccato sul fondoschiena. La gag è andata in scena davanti al Teatro alla Scala. Valeria Marini arriva fasciata in un abito lungo rosso-bordeaux, in perfetto stile Jessica Rabbit. La «iena» Enrico Lucci la adocchia e non si fa sfuggire l’occasione. Mentre la soubrette si lascia immortalare da fotografi e cameramen, le gira intorno, poi si inginocchia e le sfiora con la bocca il famoso «lato b». Decisamente meno elegante di un baciamano, al corteggiamento «osé» la Marini risponde con il lancio del microfono e l’intervento degli uomini della sicurezza, che hanno prontamente allontanato Lucci.
Nella prima degli sketch, non sono mancati quelli di Valentino, alias Dario Ballantini. Che questa volta ha preso di mira un divertito ministro al Turismo, Michela Brambilla, nei panni dello stilista nato a Voghera. Un’occasione persa però, visto che l’imitatore di «Striscia la Notizia» interpreta sullo schermo anche l’alter ego della Brambilla, e con un incontro faccia a faccia avrebbe potuto scatenarsi.
Tv satiriche a parte, davanti alla Scala un assalto di fotografi e tv in arrivo anche da altri Paesi. «È una Carmen intensa e forte - ha detto la Brambilla - anche il mezzosoprano è stata una scelta azzeccata». Il ministro, arrivata insieme al padre, ha aggiunto di essere rimasta conquistata anche dalle scenografie e dai costumi.